Prezzi pazzi:che succede alle aziende di trasporti con il caro-benzina

settembre 23, 2022

23 settembre 2022

Prezzi pazzi:che succede alle aziende di trasporti con il caro-benzina

Sono ormai 7 mesi che va avanti la guerra russa in Ucraina, che – insieme ad altre cause1 – si sta imponendo come uno dei fattori principali dell’elevatissimo costo della benzina e del carburante in generale, sia a livello globale sia a livello nazionale.

Basti pensare che l'Italia è il secondo Paese dell'Unione Europea (il primo è la Germania) che ha investito più fondi pubblici per proteggere i consumatori dall'impatto dell'aumento dei prezzi dell'energia2, avendo stanziato 49,5 miliardi di euro, una cifra pari al 2,8% del suo PIL3.
Una parte di questo denaro pubblico è servita a finanziare crediti d’imposta per le imprese energivore, bonus bollette per le famiglie e altre misure, ma una fetta consistente è stata utilizzata per tagliare i prezzi della benzina e del carburante nelle stazioni di servizio: analizzando l’andamento dei prezzi della benzina e del gasolio negli ultimi 12 mesi, si possono notare due picchi, corrispondenti all’incirca sia ai giorni precedenti al varo del primo decreto governativo per tagliare i prezzi del carburante (marzo 2022) sia all’inizio della stagione turistica estiva (giugno 2022). Schermata 2022-09-23 alle 15.39.36

Fonte: Ministero della Transizione Ecologica, Direzione Generale Infrastrutture e Sicurezza

Gli impatti di questi fenomeni sui costi che le aziende di trasporto devono sopportare hanno raggiunto un’intensità preoccupante, e vanno valutati alla luce di molteplici fattori e delle differenti specificità nazionali – ad esempio, il traffico di veicoli elettrificati ha una distribuzione disomogenea sul territorio europeo.
D’altronde, le aziende di logistica e trasporti hanno iniziato a implementare delle strategie di riduzione dei costi, anche tenendo conto dei vantaggi delle tecnologie digitali innovative, tra cui le telematiche per la gestione delle flotte e i software di route optimization (pianificazione del giro di consegne).

“Gli impatti di questi fenomeni sui costi che le aziende di trasporto devono sopportare hanno raggiunto un’intensità preoccupante, e vanno valutati alla luce di molteplici fattori.”

 

Caro carburanti, gli effetti nel settore della logistica

Con i prezzi del gas ai massimi storici in molte aree, i settori della logistica e dei trasporti sono particolarmente vulnerabili alle fluttuazioni del costo del carburante.
Con l'aumento del costo di benzina e gasolio, i seguenti fattori possono creare nuove sfide per le aziende:

  1. Aumento dei costi di trasporto: con l'aumento del costo del carburante, i vettori sono costretti ad aumentare i prezzi o a subire perdite. A sua volta, il costo del carburante incide non solo sull'azienda di logistica ma anche sullo spedizioniere e sulla sua fonte di profitto. Ecco l'effetto domino: se il trasporto della merce costa di più per il vettore, lo spedizioniere dovrà pagare di più per compensare questo costo. Se lo spedizioniere dovrà pagare di più per trasportare la merce, il destinatario dovrà pagare di più per compensare i costi aggiuntivi. Insomma, il costo del carburante influisce sull'intero settore.
  2. Inflazione: poiché il costo del carburante influisce su tutti gli aspetti del settore dei trasporti, ci si aspetta che anche i prezzi dei prodotti aumentino. Con le fluttuazioni dei sistemi economici, potrebbe essere necessario applicare un prezzo leggermente superiore al prodotto per ottenere lo stesso profitto. La spedizione di alcuni articoli, ad esempio i prodotti a temperatura controllata, costerà più di altri.  In sostanza, l'aumento dei costi del carburante causa l'inflazione dei prodotti e influisce su ogni aspetto del trasporto.
  3. Riduzione dei livelli di utilizzo del servizio di trasporto: se il costo del carburante aumenta in modo significativo per un periodo costante, le aziende di molti settori dovranno impegnarsi per mantenere i propri profitti. Un modo per farlo è tagliare i servizi o passare a servizi più convenienti. I servizi di trasporto che un tempo erano popolari potrebbero subire un piccolo calo, ad esempio perché le aziende cercano di ridurre le spese aggiuntive.
  4. Spostamento delle aree di servizio: i prezzi del carburante fissati a un certo livello indurranno anche alcuni trasportatori a modificare le aree in cui sono disposti a trasportare i prodotti. L'area di servizio ottimale, ovvero la distanza più conveniente per trasportare un prodotto, è soggetta a rilocalizzazioni a seguito di qualsiasi tipo di instabilità economica. Di conseguenza, l'aumento dei prezzi del carburante può rappresentare un ostacolo per un trasporto conveniente. Questo problema è particolarmente sentito per i prodotti che devono essere spediti a grandi distanze dal produttore o dall'azienda.


“Questi fenomeni hanno a loro volta degli effetti sulle modalità di trasporto.”

 

Quali strategie intraprendere? Come ridurre i costi?

Poiché diventa sempre meno economicamente conveniente spostare le merci utilizzando metodi inefficienti dal punto di vista del carburante, le modalità di trasporto cambiano.
Ad esempio, se il costo dell'utilizzo della ferrovia è basso e il costo di benzina e gasolio è alto, un'azienda logistica può spedire più merci tramite vettori intermodali che tramite camion.

Secondo il Dipartimento dei Trasporti statunitense, che cita uno studio dell’Associazione delle Ferrovie Americane4, i treni sono quattro volte più efficienti in termini di carburante rispetto ai camion e possono spostare 1 tonnellata di prodotto per circa 800 km (500 miglia) con meno di 4 lt di gasolio (1 gallone). Grazie a questa maggiore efficienza, il carburante necessario rappresenta una percentuale minore del costo operativo totale rispetto ad altri metodi. Ciò consente alle aziende di risparmiare e di ottenere margini più elevati, offrendo una nuova opportunità a molti che in passato avrebbero cercato altrove. 

Altro accade nel settore del trasporto marittimo: già alle prese con i costi più elevati dovuti ai problemi della supply chain, come la mancanza di spazi portuali e di stoccaggio, i costi del trasporto marittimo stanno ulteriormente aumentando a causa dell'attuale prezzo del carburante. Spesso distinto da altri metodi per il basso costo e i margini più elevati, le aziende stanno iniziando a guardare altrove, dato che il potenziale di profitto diventa sempre più difficile.
Come abbiamo visto nel caso del trasporto su gomma, i vettori marittimi compensano questi costi con supplementi, poiché il carburante costituisce la maggior parte del costo totale. Inoltre, molti vettori praticano la "navigazione lenta" sulle navi. Si tratta di un processo di riduzione della velocità (spesso a circa 15 nodi, piuttosto che a circa 22 nodi) per ridurre il consumo di carburante, analogamente al modo in cui le compagnie di autotrasporti regolano la velocità massima dei camion per ridurre il consumo di carburante. Se da un lato questa strategia di mitigazione dei costi rallenta i tempi di spedizione già esasperati, dall'altro riduce i costi e le emissioni per i vettori.
Vediamo infine 4 strategie per ridurre i costi.

Collaborare con un fornitore di telematiche
I software di gestione delle flotte permettono di monitorare la localizzazione GPS e le prestazioni dei veicoli, e di mantenere la sicurezza dei conducenti. Possono tracciare i percorsi e i modelli dei conducenti, assicurare maggiore efficienza operativa e più controllo sulle operazioni di trasporto, suggerire i percorsi più ottimali in base ai giri di consegne e controllare il consumo di carburante e altri parametri. Questa tecnologia aiuta anche a ottimizzare il tempo dedicato alla pianificazione dei giri di consegna e risparmiare sui costi delle operazioni di back office. Inoltre, migliora l'esperienza di lavoro degli autisti, consente di aumentare il numero di consegne senza errori e riduce i chilometri e le emissioni di CO2. La collaborazione con un fornitore di telematiche e tecnologie di route optimization garantirà di dotare i veicoli dei sistemi più adatti alle esigenze aziendali.

Mantenere gli pneumatici correttamente gonfiati
Secondo un rapporto della National Highway Traffic Safety Administration e del Dipartimento dell’Energia statunitense5, garantire che i veicoli abbiano pneumatici correttamente gonfiati può migliorare l'efficienza del carburante di una media dello 0,6%, fino al 3%.
Poiché le temperature esterne influenzano la pressione degli pneumatici dei veicoli commerciali, i conducenti devono controllarne regolarmente la pressione in caso di variazioni del meteo e della temperatura: la pressione degli pneumatici può subire variazioni significative sia in climi freddi che molto caldi. I conducenti e i professionisti della manutenzione devono controllare la pressione dei pneumatici prima che i camion escano su strada e nell'ambito della manutenzione regolare.

Evitare il funzionamento al minimo
I veicoli che vengono avviati più spesso nel corso della giornata consumano più carburante rispetto a quelli che vengono avviati meno volte. Allo stesso tempo, i veicoli al minimo sprecano carburante senza motivo e accumulano costi inutili. Queste spese sprecate possono sommarsi in tutta la flotta e rappresentare un danno significativo per i profitti.
Si dovrebbe indicare ai conducenti di spegnere i motori se prevedono di rimanere parcheggiati o fermi per un po'. Ciò si tradurrà in un risparmio economico a breve e lungo termine in termini di consumo di carburante e usura del motore. Gli autisti dovrebbero anche cambiare marcia prima per abbassare il numero di giri complessivo, il che può anche ridurre il consumo di carburante.

Impostate restrizioni di velocità per i conducenti
L'eccesso di velocità fa sprecare carburante ed è potenzialmente pericoloso, soprattutto per i conducenti di camion. Secondo studi generalmente accettati, la guida ad alta velocità può ridurre l'efficienza del carburante fino al 30%. Si dovrebbero concordare con i conducenti dei limiti di velocità per ridurre il consumo di carburante e i rischi per la sicurezza.


Conclusioni

Gli impatti dell’elevato costo della benzina e dei carburanti in generale sui costi che le aziende di trasporto devono sopportare hanno raggiunto un’intensità preoccupante, e si inseriscono sempre più prepotentemente nelle analisi dei fattori di rischio prodotte dalle organizzazioni.
Con i prezzi del gas ai massimi storici in molte regioni dell’economia globale, i settori della logistica e dei trasporti sono particolarmente vulnerabili alle fluttuazioni del costo del carburante.
La digitalizzazione e le soluzioni tecnologiche innovative per la logistica possono sicuramente contribuire a mitigare i rischi e i costi dei giri di consegne, generando per di più visibilità dei trasporti in tempo reale.

 

 

Note

1. Vedi l’articolo del New York Times intitolato Why Gas Prices Are So High

2. Vedi l’articolo di Europa Today intitolato Aiuti pubblici contro il caro bollette: in Europa solo la Germania ha speso più dell'Italia

3. Vedi il report di Bruegel intitolato National policies to shield consumers from rising energy prices

4. Association of American Railroads, Freight Rail & Preserving the Environment, Maggio 2022

5. Vedi il rapporto intitolato Keeping Your Vehicle in Shape, disponibile qui